ilnumero giudice MM900254494 
 Il Numero  Diritti del paziente  News

Per i pazienti anziani, la probabilità di essere sottoposti a chirurgia oncologica“salva-vita” è cinque volte inferiore a quella dei degenti più giovani, nonostante le evidenze dimostrino l’esito favorevole delle operazioni sulla speranza di sopravvivenza dei senior.

Ad affondare il colpo è il Macmillan Cancer Support , che conferma la tesi della discriminazione anagrafica nella sanità, dopo gli esiti di una ricerca condotta in collaborazione con Monitor Deloitte e il Public Health England’s National Cancer Intelligence Network, secondo i quali, la tendenza andrebbe spiegata con “motivazioni complesse”. Innanzitutto, la presenza di altre patologie o di metastasi, ma, soprattutto, l’inadeguatezza dei metodi di valutazione utilizzati – dice l’associazione – basati sull’età più che sulle condizioni fisiche del malato, facendo propendere per la rinuncia all’intervento. Seguono, poi, la difficoltà degli anziani a raggiungere la struttura ospedaliera e la loro scelta di non operarsi. Tali motivi che fanno dell’Inghilterra e del Galles i Paesi con i peggiori tassi di sopravvivenza a 5 anni per cancro al polmone tra gli over 75 e del Regno Unito la nazione con il minor numero di interventi chirurgici oncologici su anziani nel Vecchio Continente.

Tratto da: Welfare Società Territorio Martedì, 12 agosto 2014

Categoria: News